ca Mammario metastatioc
Probiotici innovativi
terapia paziente con tumore mammario

L’uso di contraccettivi orali nelle giovani donne non è associato a un aumentato rischio di fratture


Ci sono poche conoscenze riguardo al rischio di fratture nelle giovani donne che fanno uso di contraccettivi orali.

Uno studio caso-controllo ha preso in esame 64.548 casi e 193.641 controlli.

Dall’analisi non è emersa alcuna importante associazione al rischio di frattura.

Solo un piccolo aumento (OR=1.1-1.5) è stato riscontrato nelle giovani donne che facevano uso in media di bassi dosaggi ( meno di una pillola al giorno, es. impiego intermittente ).

Né il dosaggio di 20 mcg di Etinilestradiolo né quello uguale o superiore a 30 mcg o più al giorno, era associato a rischio di fratture, mentre il passaggio da 20 a 30 mcg o più al giorno, o viceversa, era associato a un limitato aumento del rischio di fratture ( OR=1.1-1.4) in alcuni gruppi di età.

In conclusione, l’impiego di contraccettivi orali in giovani donne non appare essere associato a un aumentato rischio di fratture.
L’isolato aumento osservato in alcune donne che facevano uso, in media, di bassi dosaggi, può essere correlato a fattori associati all’interruzione nell’assunzione dei contraccettivi orali, anziché a un effetto farmacologico. ( Xagena2008 )

Vestergaard P et al, Contraception 2008; 78: 358-364


Gyne2008 Farma2008


Indietro