Milan cancer conference
ESG 2017
San Antonio Breast Symposium

Rischio di tromboembolismo venoso in utilizzatrici di contraccettivi orali contenenti Drospirenone o Levonorgestrel


È stato condotto uno studio caso-controllo per esaminare il rischio di tromboembolismo venoso non-fatale nelle utilizzatrici correnti di un contraccettivo orale combinato contenente Drospirenone, rispetto alle utilizzatrici correnti di preparazioni contenenti Levonorgestrel.

Sono state coinvolte donne di età compresa tra 15 e 44 anni senza rischi maggiori di tromboembolismo venoso che avevano iniziato un nuovo utilizzo di contraccettivo orale contenente 30 microg di Estrogeno in combinazione con Drospirenone o Levonorgestrel nel periodo 2002-2009.

I casi erano rappresentati da donne con una prima diagnosi di tromboembolismo venoso; per ciascun caso sono stati selezionati in maniera casuale fino a 4 controlli appaiati per età e durata delle informazioni registrate nel UK General Practice Research Database.

Lo studio ha preso in esame 61 casi di tromboembolismo venoso idiopatico e 215 soggetti di controllo.

Nell’analisi caso-controllo, l’attuale utilizzo di contraccettivi con Drospirenone è risultato associato a un rischio 3 volte superiore di tromboembolismo venoso idiopatico non-fatale rispetto all’uso di Levonorgestrel; l’odds ratio aggiustato per indice di massa corporea ( BMI ) è stato pari a 3.3.

Le sotto-analisi hanno suggerito che i sintomi, il fatto di utilizzare il farmaco per la prima volta e i bias di cambio di terapia non erano spiegazioni probabili per queste osservazioni.

Il tasso crudo di incidenza è stato 23.0 per 100.000 donne anno nelle utilizzatrici correnti di contraccettivi orali con Drospirenone e 9.1 per 100.000 donne anno nelle utilizzatrici correnti di contraccettivi orali con Levonorgestrel.

Il tasso di incidenza aggiustato per età è stato pari a 2.7.

In conclusione, queste osservazioni contribuiscono a sostenere l’evidenza emergente che i contraccettivi orali contenenti Drospirenone sono associati a un maggior rischio di tromboembolismo venoso rispetto a quelli contenenti Levonorgestrel. ( Xagena2011 )

Parkin L et al, BMJ 2011; 342: d2139


Gyne2011 Emo2011 Farma2011


Indietro