San Antonio Breast Symposium
Milan cancer conference
ESG 2017

Trombosi venosa con l’uso di contraccezione ormonale non-orale


È stato valutato il rischio di trombosi venosa nelle utilizzatrici di contraccezione ormonale non-orale mediante uno studio di coorte basato su registri nazionali danesi.

Lo studio ha riguardato tutte le donne non-incinte danesi di 15-49 anni ( n=1.626.158 ) prive di precedenti malattie trombotiche o cancro, seguite dal 2001 al 2010.

Le principali misure di esito erano rappresentate da: tasso di incidenza della trombosi venosa nelle utilizzatrici di contraccezione ormonale transdermica, vaginale, intrauterina, o sottocutanea; rischio relativo di trombosi venosa rispetto alle non-utilizzatrici; e rate ratio di trombosi venosa nelle utilizzatrici correnti dei prodotti non-orali rispetto al contraccettivo orale standard di riferimento con Levonorgestrel e 30-40 mg di estrogeni.

Le diagnosi erano confermate da almeno 4 settimane di terapia anticoagulante dopo la diagnosi.

In 9.429.128 anni-donna di osservazione, sono stati registrati 5.287 primi eventi di trombosi venosa, di cui 3.434 sono stati confermati.

Nelle non-utilizzatrici di contraccezione ormonale, il tasso di incidenza di eventi confermati è stato di 2.1 per 10.000 anni donna.

Rispetto alle non utilizzatrici di contraccezione ormonale, e dopo aggiustamento per età, anno, istruzione, il rischio relativo di trombosi venosa confermata nelle utilizzatrici di cerotti con contraccettivi combinati transdermici è stato 7.9 e nelle utilizzatrici di anello vaginale 6.5.

Le corrispondenti incidenze per 10.000 anni di esposizione sono state pari a 9.7 e 7.8 eventi.

Il rischio relativo è aumentato nelle donne che hanno utilizzato gli impianti sottocutanei (1.4 ), ma non in coloro che hanno utilizzato il sistema intrauterino con Levonorgestrel ( 0.6 ).

Rispetto alle utilizzatrici di contraccettivi orali combinati contenenti Levonorgestrel, il rischio relativo di trombosi venosa nelle utilizzatrici di cerotti transdermici è stato di 2.3 e di anello vaginale è stato di 1.9.

In conclusione, le donne che fanno uso di cerotti transdermici o anelli vaginali per la contraccezione hanno 7.9 e 6.5 volte maggiore rischio di trombosi venosa confermata rispetto alle donne non-utilizzatrici di contraccezione ormonale della stessa età, che corrispondono a 9.7 e 7.8 eventi ogni 10.000 anni di esposizione.
Il rischio è leggermente aumentato nelle donne che utilizzavano impianti sottocutanei, ma non in quelle con il sistema intrauterino a base di Levonorgestrel. ( Xagena2012 )

Lidegaard Ø et al, BMJ 2012; 344: e2990

Gyne2012 Emo2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro